SvxLink – da zero a Echolink

svxlink

Forse vi starete chiedendo il perché dell’ennesima pagina su SvxLink. Onestamente me lo chiedo pure io, perché tutto avrei voluto fare tranne dedicare il mio tempo a scrivere su qualcosa che altri hanno già trattato. Ma non tutti l’hanno fatto bene e per fare funzionare questo software mi sono dovuto arrangiare un po’ anche mettendo insieme i pezzi che ho trovato qua e là. Perciò cercherò di riassumere qui di seguito ciò che va fatto per passare da zero ad un sistema funzionante senza impazzire, in particolare vedremo come attivare Echolink per realizzare un hotspot.

Innanzi tutto prepariamo/acquistiamo il materiale occorrente. Io vi consiglio i seguenti articoli, ma nulla vieta di utilizzare altro, anche se poi non è detto che le istruzioni che troverete di seguito non debbano essere ritoccate:

  • una Raspberry Pi o altro sistema con OS Linux
  • alimentatore e contenitore per Raspberry Pi
  • una scheda microSD da almeno 8 GB
  • una scheda audio USB compatibile con Raspberry Pi

Per utilizzare una Raspberry Pi dovrete provvedere all’installazione del sistema operativo. Vi consiglio Raspbian , lo potete scaricare da qui. Eviterei di installare la versione lite, è più compatta ma anche priva di alcuni programmi che potrebbero tornare utili. Per copiare l’immagine del SO nella microSD in Windows si può utilizzare il programma Win32DiskImager. Trovate comunque tutte le istruzioni per arrivare ad avere una Raspberry Pi funzionante facendo click qui.

Le operazioni che dovremo compiere si effettuano principalmente da un terminale. Dovremo quindi accedervi e per farlo abbiamo due possibilità:

  1. collegare la Raspberry Pi ad un monitor HDMI, ad una tastiera e ad un mouse e una volta avviato il desktop aprire la finestra del terminale;
  2. collegate la Raspberry Pi direttamente alla vostra LAN e vi ci connettete in SSH (se la porta 22 non dovesse essere aperta e la scheda non rispondervi dovrete abilitare il servizio secondo quanto riportato qui – in pratica si entra come al punto precedente, si apre una finestra terminale, si dà il comando “sudo raspi-config” e si abilita il server ssh)raspi-configraspi-config

Per connettersi in remoto in SSH si può utilizzare un programma terminale quale Putty. Trovate tutte le istruzioni qui.

Cominciamo!

La schermata che vi mostro qui di seguito è quella relativa alla prima operazione da fare: aggiornare il database dei pacchetti software disponibili per la nostra Raspberry Pi.

Il comando da eseguire è questo (le virgolette o doppi apici non sono comprese ma indicano l’inizio e la fine del comando):

“sudo apt-get update”

atp-get-update

Terminata questa operazione iniziamo l’installazione di tutti i pacchetti necessari alla corretta compilazione di SvxLink e poi procederemo al download dei sorgenti.

Il comando da eseguire è il seguente:

“sudo apt-get install g++ make cmake libsigc++-1.2-dev libgsm1-dev libpopt-dev tcl8.5-dev libgcrypt-dev libspeex-dev libasound2-dev alsa-utils libqt4-dev git-core sigc++ groff”

Dopo qualche minuto l’installazione sarà terminata e procederemo al download del file compresso contenente il codice sorgente di SvxLink.
Il comando da eseguire è:

“git clone https://github.com/sm0svx/svxlink”

Al termine troveremo una directory chiamata svxlink all’interno della nostra directory utente (che in Raspberry di default è /home/pi).

Daremo quindi i seguenti comandi:

“sudo adduser svxlink
“sudo adduser svxlink daemon”
“sudo adduser svxlink audio”
“cd svxlink/src”
“mkdir build”
“cd build”

build

Ora possiamo avviare la compilazione vera e propria impartendo questi comandi:

“cmake -DCMAKE_INSTALL_PREFIX=/usr -DSYSCONF_INSTALL_DIR=/etc -DLOCAL_STATE_DIR=/var ..”
“make
“make doc”
“sudo make install”
“sudo ldconfig”

Ora dovremo installare il pacchetto con i file audio relativi agli annunci vocali. Si trovano a questo indirizzo: https://github.com/sm0svx/svxlink-sounds-en_US-heather/releases e per installarli dovremo dare i seguenti comandi:

“cd /usr/share/svxlink/sounds/”
“sudo wget https://github.com/sm0svx/svxlink-sounds-en_US-heather/releases/download/18.03.1/svxlink-sounds-en_US-heather-16k-18.03.1.tar.bz2”
“sudo tar xvjf svxlink-sounds-en_US-heather-16k-18.03.1.tar.bz2”
“sudo ln -s en_US-heather-16k en_US”

Al termine di queste operazioni il contenuto della directory sounds è quello che potete vedere nella seguente schermata.

voci-svxlink

Configurazione della scheda audio

E’ ora venuto il momento di dare un’occhiata ai dispositivi audio disponibili nel nostro sistema Linux. Prima di tutto accertiamoci che la scheda audio USB sia collegata ad una delle porte USB della Raspberry Pi o della nostra macchina Linux. Poi impartiamo il seguente comando:

“aplay -L”

Otterrete una lunga lista di device e tra questi cercate di individuare la vostra scheda USB: come mostrato nella immagine qui sotto la mia scheda audio è identificata dalla stringa plughw:CARD=Device,DEV=0.

aplay-L

Per essere sicuri di averla individuata proviamo a farle riprodurre qualche breve file audio. Nel mio caso la scheda viene identificata come plughw:CARD=Device,DEV=0 e il comando corrispondente è riportato qui di seguito:

“cd /usr/share/svxlink/sounds/en_US/Core”
“aplay -D plughw:CARD=Device,DEV=0 please_identify.wav”
“aplay -D plughw:0,0 please_identify.wav”

Gli ultimi due comandi producono lo stesso effetto, sono cioè equivalmenti: possiamo individuare la nostra scheda in uno dei due modi mostrati. Annotiamoci comunque questi valori, ci torneranno utili per configurare SvxLink.

E’ buona cosa disattivare la porta audio nativa della Raspberry: produce un suono di bassa qualità ed è inutile lasciarla attiva, preferiamo usare il nostro dispositov esterno. Per farlo apriamo il file (con vi, nano o l’editor che preferite) /etc/modprobe.d/raspi-blacklist.conf e aggiungiamo la stringa “blacklist snd_bcm2835”. Al fine di fare diventare come dispositivo predefinito la nostra scheda audio USB, dovremo fare alcune modifiche:

  • commentare la riga corrispondente a “snd-usb-audio index=-2” nel file /lib/modprobe.d/aliases.conf
  • creare il file /etc/modprobe.d/snd_usb_audio.conf e inserirci la stringa “options snd_usb_audio index=0”
  • aggiungere nel file /etc/modprobe.d/alsa-base.conf le seguenti righe:
    # This sets the index value of the cards but doesn’t reorder.
    options snd_usb_audio index=0
    options snd_bcm2835 index=1
    # Does the reordering.
    options snd slots=snd_usb_audio,snd_bcm2835

A questo punto eseguiamo un riavvio (“sudo reboot”) e ricolleghiamoci alla nostra scheda. Per verificare quanto fatto diamo il comando per la riproduzione del file audio usato in precedenza:

“cd /usr/share/svxlink/sounds/en_US/Core”
“aplay -D sysdefault please_identify.wav”

Se tutto è andato a buon fine, ovvero avete ascoltato l’audio attraverso la vostra scheda audio, significa che la configurazione è stata corretta.

Configurazione e avvio di SvxLink con EchoLink

Dovremo modificare solo due file:

  • il file di configurazione di SvxLink: /etc/svxlink/svxlink.conf
  • Il file di configurazione di Echolink: /etc/svxlink/svxlink.d/ModuleEcholink.conf

Iniziamo con il primo, svxlink.conf. E’ piuttosto lungo e perciò non ne riporterò l’intero contenuto ma vi indicherò soltanto cosa modificare (partendo dalle impostazioni di default) per un avvio essenziale delle funzioni di EchoLink (così che potrete fare subito delle prove simulando un gateway FM-EchoLink).

Questo file è diviso in sezioni: le trovate facilmente scorrendolo perché il loro nome è racchiuso tra parentesi quadre. Ad esempio avrete [GLOBAL], [SimplexLogic] etc etc. Focalizziamo l’attenzione sulla seconda ed in particolare sulle seguenti righe:

[SimplexLogic]
TYPE=Simplex
RX=Rx1
TX=Tx1
MODULES=ModuleHelp,ModuleParrot,ModuleEchoLink,ModuleTclVoiceMail
CALLSIGN=IZ0ABD

TYPE indica che ora vogliamo usare un ricetrasmettitore in Simplex, non un ripetitore. RX e TX fanno riferimento ad altre due sezioni del file di configuazione, che vedremo poco più sotto. MODULES invece indica quali moduli devono essere avviati al lancio dei SvxLink: per ora li lasciamo tutti, compreso EchoLink. In CALLSIGN ovviamente mettete il vostro nominativo. Nella seguente immagine potete vedere il risultato.

svxlink1

Ora saltiamo un po’ di righe ed andiamo a [Rx1]: l’unica cosa importante (per ora) è impostare correttamente la scheda audio. Ricordandoci quanto ottenuto sopra, dovremo mettere AUDIO_DEV=alsa:plughw:0. Per un semplice test potete anche impostare il VOX così da simulare l’arrivo di un segnale audio dal ricevitore: SQL_DET=VOX.

svxlink2

Andiamo ora alla sezione [Tx1] e anche qui impostiamo correttamente la scheda audio ed il PTT (che per ora non utilizzeremo in quanto ci basterà ascoltare ed inviare l’audio tramite delle cuffie ed un microfono). La seguente immagine vale più di mille parole.

svxlink3

Salviamo e passiamo alla configurazione di EchoLink: nel file /etc/svxlink/svxlink.d/ModuleEcholink.conf dovrete modificare soltanto poche informazioni:

  • CALLSIGN=MyCall-L
  • PASSWORD=MyPass
  • SYSOPNAME=MyName
  • LOCATION=[Svx] …

Il risultato è mostrato nella seguente immagine.

echolink

Salviamo tutto e proviamo ad avviare con il comando seguente:

“sudo -u svxlink svxlink”

SvxLink normalmente verrà avviato tramite uno script (che non abbiamo ancora preparato). In questo caso l’abbiamo avviato indicando come utente svxlink. Il risultato vi verrà mostrato con una schermata simile alla seguente.

svxlink4

Probabilmente dovrete accertarvi che le porte del vostro firewall siano aperte in modo da fare transitare i pacchetti richiesti dal nostro sistema. Il protocollo utilizzato è UDP per le porte 5198 e 5199 e TCP per la porta 5200.

Ora utilizziamo il client EchoLink da un dispositivo connesso ad internet su di una rete diversa (ex dallo smartphone) e andiamo a cercare il nostro server/gateway. Vi allego qualche schermata dallo smartphone e dal terminale dove abbiamo lanciato SvxLink.

L’audio è più che buono e con poco ritardo: ho utilizzato una linea ADSL per il server e una connessione 4G per lo smartphone.

Spero di esservi stato utile e che sia tutto chiaro. Seguiranno altri articoli su configurazioni specifiche per ripetitore con EchoLink e ricevitori remoti: per questo seguitemi inserendo la vostra email e facendo click sul pulsante che trovate sulla colonna di destra (sarete avvisati via email di nuovi articoli). Potete anche seguirmi tramite Facebook, trovate il link in basso nella colonna di destra.

Best 73 de IZ0ABD / AI4YI Francesco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...